Astrologia egiziana

Astrología egipcia

L’astrologia è una materia che si occupa delle influenze dei pianeti, delle stelle e di altri fenomeni celesti sulla vita umana. L’astrologia è stata fondata esclusivamente sulle forti credenze religiose dell’umanità. Nei tempi antichi, era limitato alle osservazioni e agli esami di corpi celesti come pianeti, stelle, ecc., Che si credeva rappresentassero presagi che potevano influenzare re e regni, poiché si pensava che pianeti e stelle fossero dei o tuoi rapporti diretti.

Una scuola di pensiero tra gli studiosi è che i mesopotamici siano i pionieri dell’astrologia. E questa nozione è supportata dal fatto, oltre a tante altre testimonianze esistenti, che nel periodo ellenistico gli astrologi erano indicati come “caldei” e “babilonesi” poiché le regioni della Caldea e Babilonia facevano parte della Mesopotamia.

Sebbene l’astrologia egizia sia anche considerata il precursore nel campo, è difficile determinare l’origine definitiva dell’astrologia tra queste due tradizioni, sulla base delle prove esistenti e degli scritti disponibili.

È interessante notare che la parola “astrologia” è stata derivata dal greco “astron” (costellazione) e “loggia” (studio di). Se i mesopotamici sono considerati i veri inventori, potrebbe essere vero che gli egiziani adattarono un sistema legato al tema mesopotamico che fu chiamato “astrologia”. I Sumeri, che si stabilirono in Mesopotamia intorno al 4000 a.C. C., furono i primi ad adorare il sole, la luna e il pianeta Venere. Questi corpi celesti conosciuti erano considerati dei o dimora degli dei.

Il dio della luna è stato chiamato come Nanna, il dio del sole come Utu e il dio di Venere come Inanna. I Sumeri adoravano anche altri dei, specialmente gli dei della creazione. L’adorazione dei corpi celesti e dei fenomeni naturali come divinità era prevalente in altre culture come l’accandia, una regione vicina di Sumer, ma ovviamente con nomi diversi. Fino all’anno 300 a. C., solo i sacerdoti avevano familiarità con la conoscenza dei cieli e praticavano contemporaneamente religione e astrologia. Gli egizi credevano che il dio del sole controllasse il fiume Nilo, il nucleo della vita in Egitto, e in virtù di lui facesse prosperare il popolo. Anche la luna e Venere si sono classificate più in alto.

Alessandro Magno avanzò in Egitto più tardi nel 332 a.C. Con lui la cultura greca entrò in Egitto. Il sistema dell’astronomia egiziana raggiunse anche l’Egitto. L’astrologia babilonese utilizzò i benefici di questo sistema che diede origine all’astrologia oroscopica. Il sistema ha adottato un nuovo approccio all’astrologia fondendosi con il greco Horoskopos (termine ellenistico per l’orizzonte crescente, l’unione visibile della Terra e del cielo). Le dodici case celesti vennero utilizzate per la preparazione delle carte astrologiche. Come affermato in precedenza, l’astrologia era originariamente uno strumento per trovare presagi e guidare i governanti. Il contributo più significativo che i greci hanno dato all’astrologia è stato il monitoraggio dei singoli oroscopi in base alle posizioni delle stelle e dei pianeti alla data e all’ora di nascita. Questo metodo è stato sviluppato dagli egiziani nel V secolo a.C.

Lo zodiaco rappresenta la divisione immaginaria del cielo in dodici sezioni, ognuna delle quali contiene una costellazione. Ad ogni sezione sono state assegnate tre stelle. I mesi e i giorni erano associati a divinità o divinità speciali. Si ritiene che lo zodiaco egizio sia stato creato nel I secolo a.C. Gli storici hanno affermato che un faraone egiziano (sovrano) di nome Nechepso fu colui che ricevette il sistema di oroscopo dell’astrologia. Durante il suo regno fu formulato un grande libro che pose le basi per l’astrologia ellenistica. Tutti i sistemi oroscopici che seguirono questo sviluppo si basarono principalmente su questo sistema.

La maggior parte della nostra comprensione dell’astrologia egiziana è contenuta nel Calendario del Cairo, che consiste in un elenco di tutti i giorni di un anno egiziano ed è quindi considerato un documento importante. Tutti gli elenchi del calendario possono essere suddivisi in tre categorie. La prima parte contiene giorni favorevoli e sfavorevoli, ecc., la seconda per eventi mitologici che possono rendere un giorno particolare favorevole o sfavorevole, e la terza contiene un determinato comportamento associato a quel giorno. Gli egiziani seguono molto ardentemente i verdetti e i consigli dati dagli astrologi che includono anche semplici attività quotidiane come non uscire, non fare il bagno o mangiare pesce in un giorno particolare, ecc. È ovvio che la maggior parte dei moderni sistemi astrologici si basano su astrologia egizia.

Tolomeo, un esperto astrologo durante il regno di Alessandria, ha contribuito notevolmente al progresso dell’astrologia. È considerato fondamentale per la creazione delle tradizioni astrologiche occidentali. Tetrabiblos sviluppato da Tolomeo è il più importante testo antico sopravvissuto sull’astrologia. Sebbene la sua ipotesi che la Terra fosse fissata al centro dell’universo, con il Sole, la luna e gli altri pianeti che ruotano attorno ad essa fosse smentita, questa teoria è ancora seguita per i calcoli delle posizioni dei corpi celesti. Tolomeo ha sistematizzato lo studio dei pianeti, delle stelle, delle case e dei segni dello zodiaco. Il modo in cui Tolomeo stabilì le funzioni di ciascuno di questi elementi è seguito come un insieme di regole anche adesso.

Controllare anche

Caratteristiche del Segno Zodiacale Sagittario

Caratteristiche del Segno Zodiacale Sagittario

Carattere del Sagittario: un segno zodiacale allegro ed estroverso Segno che simboleggia la socievolezza, il …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *